Resta in contatto

Nati oggi

Giovanni Abate, il “Re” di Trapani

L’attaccante calabrese ha vissuto quattro stagioni in maglia granata prima sfiorando la B, poi conquistandola e, infine, difendendola per 2 tornei

Un attaccante di grande spessore, che si è sempre distinto per il contributo dato all’intera squadra. Sono le principali caratteristiche di “Re” Giovanni Abate, attaccante nato a Crotone il 2 luglio 1981 e che oggi compie 41 anni.

Abate a Trapani ha militato per quattro stagioni, collezionando in tutto 133 presenze siglando anche 32 gol. Ma, soprattutto, ha legato indissolubilmente il suo nome alla prima promozione dei granata in serie B. Un successo che sapeva anche di riscatto, perché Abate era in quella squadra che la B l’aveva sfiorata dodici mesi prima. In maglia granata, infatti, era arrivato da Siracusa, nel 2011-12. Quell’anno, con il Trapani appena promosso in Prima Divisione, si puntava tanto su Abate che giocò 34 partite segnando 8 reti. Dopo la doppia beffa, prima in stagione regolare e poi nei playoff, rimase anche l’anno dopo quando con Matteo Mancosu firmò una coppia formibabile. Nel 2012-13 fu in testa alla classifica marcatori fino all’ultima giornata, quando venne superato proprio da Mancosu, autore di una tripletta a Cremona, mentre lui segno un gol, arrivando a 14.

Restò, quindi, anche in serie B nel 2013-14, ma l’impatto con la cadetteria fu complicato, tanto che segnò soltanto 2 reti, mentre l’anno dopo, nel 2014-15, i gol salirono ad 8. Fu quello l’ultimo torneo con il Trapani, perché nella stagione successiva si trasferì al Brescia, ma è sempre rimasto legatissimo al Trapani.

Altro da Nati oggi