Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Monticciolo: «Il Trapani deve ritrovare la fiducia»

Il tecnico granata analizza la sconfitta della formazione trapanese contro la Sancataldese e chiarisce, inoltre, le gerarchie per il calcio di rigore

Sconfitta per il Trapani contro la Sancataldese per 0 a 1. Una gara dal risultato amaro, ma Monticciolo apprezza l’atteggiamento dei suoi: «La partita è stata preparata curando ogni minimo dettaglio. L’approccio non è stato dei migliori, ma non vedo questo pessimismo. Io ho visto una gara discreta. Gli abbiamo concesso un calcio d’angolo nel primo tempo ed una ripartenza nel secondo tempo. C’è sempre modo e modo di perdere. Noi ci abbiamo provato, ma loro si sono difesi bene. Non siamo riusciti nei nostri intenti e non abbiamo vinto. Dobbiamo lavorare». 

Il Trapani crea, ma non concretizza in fase d’attacco. Un canovaccio di partita che si ripete settimana, dopo settimana: «Creiamo tanta mole di gioco – dice il tecnico granata -. Negli ultimi 16 metri è difficile poi ad andare a lavorare. Lì il gol va sentito. L’importante è arrivare lì e proveremo ad insistere a riguardo. I gol per gli attaccanti sono tutto e ci vuole pazienza. Dobbiamo dimenticare questa sconfitta e dobbiamo andare avanti».

Il tecnico vuole ripartire dal lavoro settimanale: «Questo non è il momento di analizzare. Bisogna correre e non alzare i toni quando arriva la sconfitta. Dobbiamo essere responsabili del nostro lavoro. Lavoreremo su tutto e sono convinto che questa sia un’ottima squadra e dobbiamo ritrovare la fiducia. Secondo me il risultato è immeritato e dispiace questa sconfitta».

Sul calcio di rigore sbagliato da Merkaj, Monticciolo ha chiarito le gerarchie: «In campo i ragazzi fanno quello che dicono io. Il primo rigorista è Falcone, il secondo è Kosovan. Merkaj si è assunto la responsabilità di tirare e credo che fosse convinto di segnare. Voglio sempre che i giocatori si assumano la responsabilità, ma forse era un momento delicato e dovevo dire sempre io l’ultima parola».

Dopo un’ottima prova, prestazione incolore per Pipitone. Sul giovane l’allenatore granata ha detto: «Pipitone stava facendo una buona partita. Cellamare è più difensivo come esterno e per questo ho preferito lasciare Pipitone in campo, visto che dovevamo recuperare».

Ben dodici calci d’angolo per il Trapani nella partita contro la Sancataldese. Un numero enorme di occasioni sprecate dai trapanesi. Anche sugli episodi Monticciolo vuole lavorare: «La nostra squadra è fisicamente tosta. Dobbiamo migliorare sul punto di vista mentale. L’errore però fa parte del processo di crescita. Un calcio piazzato battuto bene può essere un gol o una ripartenza. Io devo essere il primo che deve dare il massimo per cercare di cambiare il trend».

Altro da News

Benvenuto

Continua in modo "Gratuito" Accetta i cookies per continuare a navigare con le pubblicità Informazioni su pubblicità e cookies nella nostra Informativa sulla Privacy
oppure, attiva un Abbonamento l'abbonamento ti permette di navigare senza tracciamenti Hai già un abbonamento? Accedi al tuo profilo

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur adipiscing elit. Quisque tincidunt est est, in vulputate nisi eleifend eu. Pellentesque at auctor mauris, sed vestibulum tortor. Sed ac lectus hendrerit, congue dui quis, rhoncus purus. Morbi vel ultrices ex. Vestibulum nec venenatis magna. Duis quis egestas lorem. Vivamus imperdiet purus sit amet convallis interdum. Vivamus orci erat, porttitor at aliquam et, ultrices ac sapien. Interdum et malesuada fames ac ante ipsum primis in faucibus. Cras orci mi, maximus sed suscipit ut, hendrerit ut augue. Duis enim augue, gravida et nisi nec, auctor pellentesque neque. Donec sollicitudin a dui non placerat. Integer eu scelerisque leo. Nulla facilisi. Aliquam in aliquam mauris. Suspendisse potenti. Donec efficitur leo id nunc imperdiet, ut pretium velit interdum. Aliquam eu sem et nisi pretium consequat. Ut at facilisis ex, in sollicitudin justo. Nunc maximus vulputate ipsum, non pharetra turpis luctus in. Suspendisse potenti. Nunc mattis est elit, nec varius risus blandit vestibulum. Proin id diam ac lacus dignissim finibus.