Resta in contatto

Calciomercato

Biabiany, dallo stop per l’aritmia alla voglia di rinascita con il Trapani

L’esterno francese nel 2014-15 ha dovuto rinunciare al trasferimento al Milan per la scoperta di una problema al cuore. L’ultimo anno 18 presenze con il Parma in serie A

 

Trecento presenze tra Inter, Modena, Parma, Sampdoria, Sparta Praga e 35 gol. Ma anche il fermo dell’attività sportiva a causa di una aritmia al cuore scoperta quando stava per trasferirsi al Milan.

E’ la storia di Jonathan Biabiany, l’ormai probabilissimo acquisto del Trapani, il primo dei tre svincolati promessi dal presidente Heller.

Il giocatore nato a Parigi 31 anni fa ha vissuto le stagioni migliori prima della scoperta dell’aritmia, avvenuta l’ultimo giorno del mercato estivo della stagione 2014-15, dopo aver posato con la sciarpa del Milan, considerato che il suo passaggio in rossonero era pressoché cosa fatta. Nel 2011-12 mise assieme 38 presenze con il Parma mettendo a segno 6 gol e giocando, nella maggior parte dei casi, da centrocampista di sinistra. L’anno dopo, nel 2012-13, collezionò 33 presenze in serie A e una in Coppa Italia, sempre con i ducali, siglando due reti e cominciando a giocare sempre più da ala destra, mentre nel 2013-14, le sue presenze in A sempre con il Parma furono 36, più 2 in Coppa Italia, con 7 reti tra campionato e Coppa nazionale.

Poi arrivò la stagione “sparti-acque”. La 2014-15 con Biabiany che giocò la prima gara stagionale tra il “suo” Parma ed il Cesena, persa dai ducali 0-1 e, subito dopo, arrivò il trasferimento al Milan annullato, però, poco prima della chiusura del mercato per la scoperta dell’aritmia. Seguì, quindi, un lungo stop, con il passaggio nel frattempo dal Parma all’Inter ed il ritorno in campo si materializzò soltanto il 23 settembre 2015 nella vittoria dei nerazzurri con il Verona per 1-0. Quell’anno scese in campo 24 volte tra campionato (20) e Coppa Italia (4), venendo impiegato soprattutto da ala destra e mettendo a segno il suo ultimo gol in carriera il 22 novembre 2015 nel 4-0 al Frosinone, siglando la rete dell’1-0

Seguirono stagioni in chiaroscuro. Nel 2016-17 4 presenze con l’Inter tra campionato (1) ed Europa League (3), venendo impiegato sia da ala destra che da ala sinistra oltre che da centrocampista di sinistra e nel 2017-18 andò in prestito allo Sparta Praga dove ha disputato 16 presenze tra campionato (15) e coppa nazionale (1), giocando sempre da ala destra. Infine, lo scorso anno 18 presenze in serie A con il Parma e una in Coppa Italia venendo schierato dall’allenatore D’Aversa quasi sempre da ala destra nel 4-3-3. La sua ultima partita l’ha giocata il 17 marzo scorso nel ko (1-4) del Parma all’Olimpico contro la Lazio.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Calciomercato