Resta in contatto

News

Giuseppe Mangiarano: «Il Trapani è una squadra viva»

Il direttore generale granata è stato intervistato al termine della sconfitta esterna contro la Salernitana dai microfoni di Radio Cuore Trapani

Giuseppe Mangiarano analizza così la sconfitta per 1-0 del Trapani sul campo della Salernitana: «Una sconfitta immeritata e che dispiace a tutti. A volte bisogna accettare anche le ingiustizie. La squadra ha dato tutto quello che aveva. È un buon segnale per la partita di domenica prossima contro la Cremonese. Non ci aspettavamo di venire a Salerno e subire altre ingiustizie, ma dobbiamo essere più forti di queste. La squadra ci sta credendo e la personalità con cui abbiamo giocato ne è dimostrazione. In novanta minuti siamo stati puniti dall’unica distrazione, ma ci dobbiamo ricordare che giocavamo in casa della Salernitana e ci può stare. Noi abbiamo avuto un palo, una traversa, Luperini di testa e Pettinari a tu per tu: quattro nitide occasioni da gol con una supremazia territoriale importantissima. Purtroppo ci è girata male, ma questa è la strada giusta».

Il direttore generale dei granata poi continua analizzando gli episodi: «Quando giochi bene e cerchi la vittoria: prima o poi il risultato viene. Noi siamo una squadra viva, ha idee ed è convinta di ciò che sta facendo. Certamente gli episodi dubbi in area di rigore della Salernitana ci sono stati. L’arbitro nel dubbio poteva anche concedere calcio di rigore: non abbiamo la VAR per potere rivedere le azioni. Certamente su Pettinari c’è stata una trattenuta con tanto di maglietta tirata. È vero che probabilmente Evacuo sia stato spinto. Alla fine poi la manina nell’area di rigore avversaria c’è stata».

Giuseppe Mangiarano sulla sconfitta con la Salernitana poi continua: «Piszczek ha lottato e corso. Anche Pirrello poi è cresciuto nel finale: non era facile giocare contro Djuric. Siamo stati puniti nell’unica distrazione. Non mi ricordo quante volte la Salernitana è entrata nel secondo tempo nella nostra area. Ai punti non si vince nel calcio, ma ci serve autostima e per il momento c’è in noi. C’è rabbia e delusione, ma questa partita ci dà la convinzione che ancora ce la possiamo fare. Questa squadra e questo allenatore vanno sostenuti: ho detto a loro di dover accettare queste ingiustizie e questo veleno per ripartire in vista della prossima gara».

Il Trapani nella prossima partita affronterà la Cremonese, per Mangiarano è una gara da affrontare: «Con la rabbia e con la stessa determinazione con cui abbiamo giocato i novanta minuti e concluso la partita nel silenzio».

 

 

6 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
6 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ogni partita che la squadra gioca bene ci sono Sempre sviste arbitrali.. per avere un rigore non ne parliamo..

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Ogni persona può accettare una due ingiustizie ma non dall’inizio del campionato i dirigenti stanno facendomota Opi x mettere una squadra più robusta e tecnica non penso che in lega vi sia interesse x buttare una squadra fuori x già x un’altra più raccomandata

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Siamo stanchi di accettare ingiustizie…bisogna andare in lega e battere pugni sul tavolo e alzare la voce…qst errori nn sn più accettabili, meritiamo rispetto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

No non si possono accettare le ingiustizie sempre contro di noi ma ne avete palle voi dirigenti per denunciare queste ingiustizie alle autorità competenti documentando con filmati tutte le ingiustizie subite?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

A VOLTE!!…….

Commento da Facebook
Commento da Facebook
1 anno fa

Se non vi fate sentire in lega inutile giocare

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News