Resta in contatto

News

Il Trapani in silenzio stampa: ecco i motivi

A scriverli è il Giornale di Sicilia che spiega le motivazioni che hanno portato la società granata a prendere tale decisione nei confronti dei propri tesserati e dei giornalisti

Si avvicina molto ad un tutti contro tutti la situazione attuale dei granata. È notizia di domenica la decisione del Trapani di predisporre il silenzio stampa “tutelare la serenità dell’ambiente nel suo complesso”.

Il Giornale di Sicilia, in un articolo a firma di Laura Spanò, ha ricostruito le dinamiche che hanno portato a tale scelta da parte della società granata. Domenica 16 febbraio il Trapani perde sonoramente per 5 a 0 in quel di Cremona e al termine della partita viene diramato un comunicato stampa, nel quale si annunciavano dei provvedimenti disciplinari nei confronti della squadra.

Passano dei giorni tra fughe di notizie e altro e venerdì mattina veniva preannunciata una «sanzione» da comminare alla squadra. Una notizia che riportava dei virgolettati di una sanzione che fino a quel momento nessuno conosceva ma che è stata resa pubblica su un sito, che fa capo a un componente del cda del Trapani.

Il Giornale di Sicilia spiega come sia stato un fatto estremamente grave e mai accaduto fino ad oggi nelle proprietà che si sono succedute all’interno della società granata. Quella mail venuta fuori era di una Pec interna inviata dal direttore generale granata (Mangiarano), ai componenti del cda per la relativa valutazione, lettera che doveva ancora avere il placet e la firma del presidente.

Venerdì nel corso della conferenza stampa di Castori del pre partita, al tecnico era stata chiesta conferma, poi sono iniziate le telefonate, mentre dalla società è giunta la richiesta di non tener conto della notizia, alla luce del fatto che ci si trovava alla vigilia di una partita delicata, e visto quanto accaduto l’ipotesi della sanzione sarebbe stata abbandonata e si sarebbe provveduto ad altro provvedimento.

La posizione di tutta la stampa è stata chiara, si è trattato di un palese «conflitto di interesse» e per questo è stato chiesto l’intervento dell’Ordine dei giornalisti e dell’Ussi regionale. Una presa di posizione che evidentemente non è stata gradita ai piani alti della società granata.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News