Resta in contatto

News

L’esplosione del Coronavirus al Nord a causa della Champions dell’Atalanta

A sostenere questa tesi è il quotidiano La Repubblica in un articolo che analizza il numero dei contagiati fra Milano, Bergamo e la comunità di Valencia

I contagiati da Coronavirus nella provincia di Milano hanno superato quelli della provincia di Bergamo. Ed a fare da detonatore sarebbe stata la partita di Champions tra l’Atalanta ed il Valencia, tenutasi a San Siro il 19 febbraio.

Il virus era già presenta in quella data sia a Valencia che nella Bergamasca. In Spagna il primo decesso è avvenuto il 13 febbraio proprio a Valencia, come confermato il 3 marzo da Ana Barcelo, responsabile della sanità a Valencia in seguito alla riesumazione della vittima e la conseguente autopsia. Il 14 febbraio, invece, in una trattoria nelle vicinanze di Nembo, nella Bergamasca, si è tenuto un banchetto ed un uomo tra i presenti, poi, risulterà positivo al Coronavirus, con l’Asl che andrà alla ricerca di tutti i commensali.

L’ipotesi riportata da La Repubblica, quindi, è che quando i tifosi di Atalanta e Valencia si sono recati a San Siro, il Coronavirus era già presente nelle due zone dei due Paesi e quella festa di sport si sarebbe trasformata in una Samarcanda, considerato l’esodo dei bergamaschi a Milano, circa 45 mila persone, oltre ai tifosi spagnoli, ed il conseguente contatto con i milanesi.

‘Certamente – afferma Massimo Galli, responsabile del reparto malattie infettive del Sacco di Milano – quella partita può essere stata un importante veicolo di contagio. Penso che l’epidemia sia partita prima, nelle campagne, durante le fiere agricole e nei bar di paese. Ma il fatto di concentrare decine di migliaia di persone della stessa zona nello stesso luogo può essere stato un importante fattore di diffusione’.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News