Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Le società, i calciatori e gli stipendi: tutte le possibli soluzioni

La Lega Calcio pronta ad avanzare diverse richieste: da uno sconto in proporzione, con scaglioni crescenti e una riduzione del 30% oltre il milione, fino al blocco dei salari durante l’inattività

Le idee adesso ci sono, ma per attuarle si rende necessario un intervento del governo nazionale attraverso un decreto legislativo specifico.

La Lega Calcio, alla quale poi la Lega serie B si è sempre adeguata fino ad ora, sembra aver raggiunto una intesa in merito al taglio degli stipendi, anche se manca l’accordo sulla ripresa. La proposta della Lega è quella di richiedere ai calciatori uno sconto sull’ammontare degli stipendi, in proporzionale, con degli scaglioni crescenti. Il primo blocco accomuna tutti gli stipendi tra i 100 ed i 500 mila euro, il secondo quelli compresi tra i 500 mila ed il milione e, infine, il terzo blocco mette assieme tutti quegli ingaggi che superano il milione. Inoltre, alla fascia più elevata verrebbe prevista una decurtazione del 30% degli ingaggi nel momento in cui, però, il campionato venisse portato a conclusione.

Nel caso in cui, invece, nello scontro tra i presidenti avesse la meglio la fazione che chiede la sospensione definitiva di tutti i tornei, è previsto un blocco del salario nel periodo attuale di inattività assoluta.

Ad ogni modo, però, affinché le ipotesi entrino in vigore, è necessario un intervento del governo nazionale, attraverso l’approvazione di un decreto legislativo specifico.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News