Resta in contatto

News

Coronavirus, Gravina: ‘Chiediamo un fondo salva calcio dalle scommesse’

Il numero uno della Federcalcio torna a parlare e propone un nuovo strumento che possa contribuire a sostenere il mondo del calcio in questo momento di crisi

Il presidente della Figc, Gabriele Gravina, oltre al fardello di rappresentare la massima organizzazione calcistica del Paese, ha l’onere anche di provare a trovare delle soluzioni per fronteggiare l’impatto negativo che l’emergenza sanitaria da Covid-19, sta provocando sul sistema calcistico italiano. Ed allora Gravina punta su una sorte di “diritto d’autore” da chiedere alle società specializzate sulle scommesse sportive.

«Le società sono titolari – spiega Gravina intervistato dal presidente della Ternana Stefano Bandecchi, ai microfoni di Radio Cusano Tvdi un diritto di autore, l’evento sportivo è un prodotto sul quale si scommette, della tutela del diritto d’autore chiediamo quella percentuale dell’1% che deve entrare in questo fondo».

Il massimo dirigente della Federcalcio si sofferma inoltre sul taglio degli ingaggi dei calciatori: «Quello messo in atto dalla Juventus è un modello che indica senso di responsabilità e di disponibilità da parte dei calciatori». E al contempo Gravina lancia una proposta nuova e rivoluzionaria per la serie C: «Girone d’elite unico con 20 squadre professionistiche e le altre in un altra categoria semi-pro. C’è troppa distanza fra B e C e poi fra C e Dilettanti».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News