Resta in contatto

News

Coronavirus, Aiac: ‘Delusi dalle linee guida del Consiglio Figc’

L’Assoallenatori manifesta il suo disappunto per le ultime decisioni assunte dalla Federcalcio. La critica si concentra in particolare sulle licenze nazionali e sul pagamento degli stipendi

Dopo L’Assocalciatori, anche l’associazione che tutela gli interessi degli allenatori, cioè l’Aiac, si dichiara delusa e amareggiata dalle linee guida varate dal Consiglio Federale. In particolare è la disposizione relativa alle licenze nazionali, che consentono l’iscrizione ai campionati anche in pendenza di un contenzioso sui pagamenti degli ingaggi di marzo e aprile, a sollevare la ferma presa di posizione dell’Aiac. Attraverso un comunicato l’associazione degli allenatori italiani precisa, oltre ad essere consapevole dei propri fini e al contempo rispettosa del proprio ruolo di componente federale, di essersi: «Sempre battuta per la sostenibilità del calcio: condividendo ogni decisione assunta negli interessi del nostro movimento sportivo. In questo drammatico periodo del nostro Paese abbiamo più volte rivendicato la necessità del rispetto di tutti i lavoratori del comparto calcistico e soprattutto delle redditualità più basse. Siamo delusi e amareggiati per le linee guida approvate in sede di Consiglio Federale circa le regole per le iscrizioni ai campionati professionistici: norme che permetteranno ai club di pagare, di fatto, un solo mese (netto) di stipendio da qui sino al termine delle competizioni agonistiche; regole che non abbiamo votato, assieme all’Aic».

«Per le iscrizioni ai campionati 2020-2021, infatti, se dovessero passare tali volontà, il controllo del puntuale pagamento degli stipendi netti di marzo, aprile e maggio 2020 si sposterà al mese di agosto, anziché a fine maggio; quello di giugno al lontano ottobre 2020. Molti Club, poi, sembrano non intenzionati a riconoscere le prestazioni svolte durante il lockdown dai nostri allenatori e preparatori nei mesi di marzo-aprile e gli eventuali contenziosi che ne nasceranno non saranno ostativi, secondo tali linee guida, per l’iscrizione ai prossimi campionati. Ciò in contrasto con ogni norma di buon senso, ragionevolezza ed equità. Una ripartenza ci potrà essere solo se ogni componente si farà rispettivamente carico delle esigenze dell’altra».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a TRAPANI su Sì!Happy

Altro da News