Resta in contatto

News

Rischi infortuni alla ripresa, Trapani: ecco cosa serve

Sono tanti i calciatori in serie A che, alla ripresa, si sono fermati a causa di problemi muscolari. Ecco il decalogo da seguire per fare in modo di ridurre il rischio infortunio

Ibrahimovic, Higuain, Milinkovic-Savic, Duarte, Pau Lopez, Perotti, Manolas e Baselli. Sono soltanto alcuni dei calciatori di serie A che alla ripresa degli allenamenti hanno riportato degli infortuni muscolari.

Dopo quasi tre mesi di inattività, infatti, il rischio degli infortuni è dietro l’angolo, anche se tutti durante lo stop per il Coronavirus hanno seguito le indicazioni dei rispettivi preparatori atletici. E poi ci saranno le partite ravvicinate, molte ogni tre giorni. Così il rischio di assistere agli infortuni dei calciatori è elevatissimo.

Cosa fare per evitare che questo accada o quantomeno per fare in modo che accada meno frequentemente rispetto ad altre società? Lo ha spiegato al Corriere dello Sport Stefano Salvadori, il medico del Benevento. ‘E’ un rischio che corrono tutti: lesioni muscolari, patologie tendinee da sovraccarico funzionale. Come ovviare tutto ciò? Con tanta prevenzione. Bisogna equilibrare quanto più possibile ogni cosa: l’alimentazione, il ritmo del sotto, l’equilibrio dei carichi di lavoro. A volte può essere determinante anche mezza giocata libera’. In questo periodo, quindi, c’è bisogno di una attenzione magiore. ‘Bisogna stare attenti alle temperature, al fatto che ci siano gare in tempi ristretti e che ci si possa allenare poco tra una partita e l’altra. Da questo punto di vista le cinque sostituzioni sono una soluzione veramente adeguata’.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News