Resta in contatto

News

Ha sottratto 200mila euro al Trapani, arrestato l’ex ad De Simone

Il blitz è della Guardia di Finanza ed è stato pure denunciato per truffa aggravata ai danni dello Stato perché percepiva il reddito di cittadinanza

Avrebbe sottratto circa 200mila euro dalle casse del Trapani quando era l’amministratore delegato. Per questo motivo, su ordine del Gip Caterina Brignone, i militari della Guardia di Finanza hanno arrestato Maurizio De Simone, ex ad del Trapani. Inoltre, De Simone è stato anche denunciato per truffa aggravata ai danni dello Stato perché percepiva il reddito di cittadinanza.

Le indagini hanno preso avvio nello scorso mese di dicembre e sono state portate avanti dal nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Trapani e coordinate dal sostituto procuratore Rossana Penna. Secondo gli investigatori, quindi, De Simone avrebbe sottratto circa 200 mila euro dalle casse della società attraverso un meccanismo di false fatturazioni per servizi mai resi, per lo più di natura informatica, poste in essere da aziende prive di effettiva sostanza economica e che facevano capo, direttamente od indirettamente, sempre allo stesso De Simone anche se intestate a dei “prestanome”. Inoltre, le Fiamme Gialle hanno anche scoperto un’evasione di Iva pari ad oltre 9 milioni di euro.

I militari della Guardia di Finanza hanno esaminato l’operatività di queste società, la maggior parte con sede ad Avellino, la città di origine di De Simone, ed hanno scoperto come quest’ultimo avesse utilizzato parte dei proventi illeciti, provenienti dalle false fatturazioni, non solo per rilevare la proprietà del Trapani, ma anche per immettere nella società, attraverso la Fm Service, 149 mila euro come quota necessaria per far fronte agli impegni di natura organizzativa, imposti dai regolamenti della Figc senza incorrere a penalizzazioni. Attuando, sostanzialmente, quello che per la Guardia di Finanza è autoriciclaggio. Di fatto, in questo modo, il Trapani ha potuto portare a compimento il campionato, peraltro ottenendo poi la promozione in serie B.

Sempre secondo quanto accertato dalla Finanza, nel periodo in cui ha retto le sorti del Trapani, De Simone “non ha posto in essere alcuna operazione, sotto il profilo economico e patrimoniale, volta a rafforzare e rendere maggiormente competitiva la società, a comprova del fatto che l’unico suo intento era quello di svuotarne le casse, come accertato nel corso delle indagini”.

Infine, Maurizio De Simone è risultato essere percettore del reddito di cittadinanza, circostanza che ha portato gli investigatori a denunciarlo per truffa aggravata ai danni dello Stato.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
bobo
bobo
3 mesi fa

che personcina perbene

bobo
bobo
3 mesi fa

che personcina pebene

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a TRAPANI su Sì!Happy

Altro da News