Resta in contatto

News

Trapani, ecco Pellino: tra apertura ai tifosi e lo scontro con i calciatori

L’imprenditore, che ha rilevato il 10% del club, assicura che domenica i granata giocheranno con 7/8 nuovi arrivi. Ma con i big è “guerra”

Fiducia per il futuro, certezza di scendere in campo domenica con la Casertana con Biagioni allenatore e con 7/8 giocatori in arrivo da squadre di A, apertura ai dipendenti, ma, soprattutto, scontro a muso duro con Evacuo, Pettinari e Luperini.

Le prime parole di Gianluca Pellino, appena atterrato al “Vincenzo Florio” di Birgi, spiegano quello che accadrà nei prossimi giorni a Trapani. L’imprenditore romano che ha acquistato il 10% del club con la possibilità di arrivare al 100% entro dicembre, ha affrontato diversi temi.

Apertura alle collaborazioni

“Io sono pronto al dialogo con tutti. L’importante era quello di arrivare sul posto e fare un confronto con la tifoseria, le istituzioni e con il comitato. Sono ben lieto di parlarci e trovare delle soluzioni”

La squadra

Giovedì avverrà la presentazione dello staff tecnico ed organizzativo. “Nonostante non fossi sul posto, ci siamo mossi e arriveranno 7/8 ragazzi da squadre primarie di serie A”. Poi, maggiori dettagli, li fornirà l’allenatore Oberdan Biagioni in conferenza stampa, dopo la nomina ufficiale a trainer granata.

L’allenatore

Pellino ha già parlato con Di Donato, l’attuale allenatore che verrà esonerato. “Lo incontrerò domani e prenderà atto di quello che gli dovrò comunicare”.

Il sogno

“Posso dire, inizialmente, di mantenere questa categoria, non dico baggianate.  Entro 48 mesi gradirei fare un salto di qualità o, magari, anche sognare la A. L’importante è che i tifosi non pensino che sono venuto a fare la testa di legno di qualcuno”.

La prima di campionato

“Scenderemo in campo. Alla richiesta del rinvio della partita mi è stato risposto negativamente, quindi, tranquilli, scenderemo in campo”.

I debiti

“Non sono stati fatti da me, ma me li sobbarco. Abbiamo, però, avviato delle interlocuzioni tra legali con le controparti ed a breve partirà un piano per il risanamento”.

Lo scontro con i calciatori

“I giocatori non avevano il permesso di parlare e questo sarà alla base di un provvedimento che prenderò da domani. Non dovevano parlare. Alcuni giocatori sindacalisti dicono di avere a cuore la città e la maglia, ma se sono seri devono stare zitti, i panni si lavano in famiglia”. Il riferimento è allo sfogo di Felice Evacuo la scorsa settimana dopo l’ennesimo mancato allenamento e che ha portato al blocco di tutti gli allenamenti fino a domani. “Prima che qualche calciatore sindacalista facesse le sue dichiarazioni a nome della squadra, io avevo parlato con loro, spiegando alcune situazioni, ma mi hanno detto che le facevano lo stesso. Adesso se ne assumeranno la responsabilità, perché queste non sono solo della società”.

Gli svincoli di Pettinari e Luperini

“Abbiamo delle scadenze e verranno rispettate, e poi c’è qualche giocatore di grido che ha cercato di mettere zizania, cercando di svincolarsi. Ma ha sbagliato persona”. Chiaro il riferimento a Stefano Pettinari e Gregorio Luperini, due dei tre calciatori che potrebbero permettere al Trapani di far cassa, ma che hanno chiesto la rescissione unilaterale del contratto.

La denuncia alla Questura

“Non lo dico io, perché ci sono le telecamere ed i video che ha la Digos, quindi sono problemi tra la Digos e quelle persone. Io non ho detto niente di falso, ho fatto una denuncia e la Questura di Trapani ci sta lavorando. Il fondamento della denuncia è nei fotogrammi”.

Dipendenti

“Domani saranno convocati nel pomeriggio e parlerò con loro uno ad uno, per motivi di privacy, e risolveremo i problemi”

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News