Resta in contatto

News

Decadenza Provinciale, Pellino: “C’è un disegno per far fallire il Trapani”

Il proprietario del club granata lamenta anche la tempistica: “Ci hanno inviato una pec alle 22.05 per presentarci allo stadio l’indomani alle 8.30”

“C’è un disegno politico locale per far fallire in tutti i modi la società del Trapani”. E’ questa l’idea di Gianluca Pellino, proprietario del Trapani attraverso Alba Minerali, dopo la decadenza del Provinciale disposta dall’ex Provincia per una serie di violazioni commesse dalla società.

“Ho ricevuto la comunicazione della decadenza tramite pec alle 22.05 di giovedì 15 e con lo stesso provvedimento mi si intima di presentarmi allo stadio l’indomani alle 8.30. Ma come posso organizzare il tutto con 10 ore di anticipo ed una notte di mezzo?” è la domanda che si pone Pellino, il quale, poi, prosegue: “al momento sono all’interno dello stadio assieme al mio custode e stanno predisponendo l’inventario diventando, così, i custodi di tutto quello che appartiene al Trapani. Noi non ci siamo opposti alla decadenza, anche perché non ci sono i termini di legge”.

Dattilo

Pellino continua spiegando come quella con il Dattilo, per far disputare ai biancoverdi le partite interne di serie D al Provinciale, non sia stata una subconcessione. “E’ una convenzione per venire incontro ad una società calcistica del teritorio. Non mi sono mai opposto ed ho cercato di aiutarli. Invece, la decadenza della nostra convenzione è la risposta che arriva dal commissarcio Cerami, il quale adesso mette a repentaglio anche la partita di domenica del Dattilo”. I biancoverdi, infatti, domenica riceveranno il Roccella ed adesso la società è chiamata ad una corsa contro il tempo per raggiungere un accordo con la stessa Provincia per utilizzare ugualmente il Provinciale.

Le risposte non valide

L’ex Provincia contesta pure la validità delle risposte fornite all’ultimatum della scorsa settimana. Per l’Ente, infatti, non sono arrivate dal Trapani e neanche dal suo rappresentante legale. A fornirle è stato l’avvocato Capone il quale cura gli interessi del club nel procedimento fallimentare. “Ma non è proprio così – continua Pellino -. L’avvocato Capone ha un regolare contratto con il Trapani”.

“Da questo momento – conclude Pellinoognuno deve assumersi la propria responsabilità per quanto sta accadendo, compreso il sindaco Tranchida, il comitato ed i dipendenti con il loro ostruzionismo. Ora mi chiedo “Ne valeva la pena” venirmi contro?”

20 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
20 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Commento da Facebook
Commento da Facebook
10 giorni fa

Pellino e’ quello che e’….siamo d’accordo, ma riflettendo bene mi sa’ che forse qualcosa di vero c’è. Personalmente a pensare male si fa’ peccato…..pero’?
Ma non vi sembra strana la faccenda della facilita’ con cui si e’ diciamo falliti?…Per me l’acquisizione del Dattilo era da tempo ideata….Mi sbagliero’….? Cmq alla fine e’ stata la migliore soluzione, perche’ abbiamo evitato l’agonia di un campionato martoriato x noi e soprattutto abbiamo cacciato in un colpo solo Pellino e Petroni…😂😂😂

Leonida
Leonida
13 giorni fa

Pellino è un signor nessuno. Prendersela con questo personaggio è inutile. Il Trapani doveva fallire alla fine delcampionato 2017/2018. Di traverso si sono messi mr Italiano e i suoi ragazzi. Agnello, de Simone, Heller , Petroni, Pellino: solo maschere, attori di bassa lega. A buon intenditor …

Mario Ferro
Mario Ferro
13 giorni fa
Reply to  Leonida

esatto.

Marco
Marco
10 giorni fa
Reply to  Mario Ferro

Per me l’idea di fallire e’ solo concomitanza con l’arrivo di De Picciotto…secondo me era l’unica possibilita’ di darla all’italo svizzero prima che rinunciasse, dato che precedentemente non voleva accollarsi i debiti. Mancando Mazzarella che non ha mai percepito compenso, non potevano giocare la partita.
Sembra strano?….a me No

Dodi
Dodi
13 giorni fa

Dovevi venire con i soldi e pagare subito almeno i dipendenti e i giocatori e non con gli avvocati, e allora avresti lavorato.
Il progetto per far fallire il Trapani è suo ed è davanti gli occhi di tutta Italia.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Pellino va cacaaaa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Forse ancora non lo hai capito il tuo tempo qui a Trapani è scaduto devi andarteneeeeee viaaaa

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Ma andasse a cagare questo cretino……ma cosa pubblicate ? Non merita neanche un euro

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Pellino ma ancora a Trapani sei? Vattene

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Ahahhahahhahahhahahhahahaha PAGLIACCIO

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Cu l’acqua minerale

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Ancora ca si … Un tinnae iuto ?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Stu zombi Va camminando.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

A dir la verità C’è un DISEGNO DI ASSICUTARITE!!!

osvaldo
osvaldo
14 giorni fa

Che ci sia un disegno per distruggere il club lo hanno capito pure i bambini; la domanda è : a chi da vantaggio tutto ciò ?

Giuseppe
Giuseppe
13 giorni fa
Reply to  osvaldo

Il vantaggio e’ del signor Petroni che si sta servendo di suo “compare” Pellino per portare il Trapani Calcio all’inevitabile fallimento. Nel gergo dialettale si dice e si è sempre detto che : ” u fallutu e’ mezzu arriccutu ” . Buona notte signor Osvaldo !

Osvaldo
Osvaldo
13 giorni fa
Reply to  Giuseppe

Questo lo potrà accertare un ‘indagine giudiziaria. Comunque io ricordo che i giocatori non si sono potuti allenare perché mancava chi apriva le porte, il medico era malato, gli impiegati smarrivano le carte , il sindaco scriveva alla lega per far intervenire tutti gli ispettori del mondo che sanzionavano mille cavilli ecc- Risultato :siamo spariti !

osvaldo
osvaldo
7 giorni fa
Reply to  Giuseppe

Solo chi non vede oltre la punta del suo naso non riesce a capire come stanno le cose: il dattilo da piccolissima società dilettantistica con l’estromissione del Trapani viene valutato 500 mila euri più 200 mila di bonus in caso di promozione e suscita appetiti da parte di imprenditori con veri soldi.I dipendenti tutti hanno remato per far estromettere e quindi fallire il Trapani. Cosa serve uno scienziato per analizzare il tutto e tirare le somme?

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Pellinoooooooo
Ci sentiiiiiiiiiiiiiii
Tinnagghireeeeeeeee
Riii cuisaaaaaaaass
Ehhh va lavate i piattaasss

Commento da Facebook
Commento da Facebook
14 giorni fa

Sì, il disegno della lavagna.

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a TRAPANI su Sì!Happy

Altro da News