Resta in contatto

News

Processo a De Simone, il Trapani vuole essere parte civile

L’udienza preliminare è in programma il 14 gennaio 2021 e la società granata ritiene di essere parte lesa

Il Trapani vuole essere parte civile nel processo a carico di Maurizio De Simone, l’ex patron granata arrestato il 6 agosto scorso dalla Guardia di Finanza con l’accusa di evasione e truffa ai danni dello Stato e autoriciclaggio.

Giovedì 14 gennaio 2021 si terrà l’udienza preliminare ed in quella occasione il Trapani, attraverso l’avvocato Alessandro Capone, vorrebbe costituirsi parte civile. Al momento, infatti, la società granata non risulta tra le parti offese, come invece l’Alivision che nel momento delle indagini deteneva il 100% delle azioni del club granata. Adesso, la nuova proprietà del Trapani, invece, sta analizzando i documenti a disposizione ed è intenzionata a chiedere la costituzione come parte civile nel procedimento a carico dell’ex patron.

La società granata, infatti, si ritiene parte lesa, considerato che, secondo la ricosturzione degli investivatori, De Simone avrebbe sottratto circa 200 mila euro al Trapani attraverso un meccanismo di false fatturazioni per servizi mai resi, per lo piu di natura informatica, posto in essere da aziende prive di effettiva sostanza economica facenti capo direttamente o indirettamente a De Simone. Inoltre, tra le altre accuse nei confronti dell’ex patron c’è anche un’evasione di Iva pari ad oltre 9 milioni di euro.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Francesco
Francesco
6 mesi fa

magari anche il comitato si può schierare “parte lesa” chissà magari alla fine si può guadagnare qualcosa….piuttosto che.. basta che non ci sia a difendere l’avvocato di causi perse…

Giuseppe
Giuseppe
6 mesi fa
Reply to  Francesco

🤣🤣🤣 fannu ridere… l’avete vista la foto dopo che hanno fatto l’atto? ridicoli…

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News