Resta in contatto

Esclusive

Castelli: «Il covid fa sentire meno la lontananza dal Trapani»

Il club granata non gioca una partita ufficiale da luglio, mentre ad ottobre è stato estromesso dal campionato di serie C a seguito delle mancate dispute di due gare

Il 31 luglio scorso il Trapani ha disputato la sua ultima gara ufficiale. Il club granata raggiunge la salvezza sul campo in serie B, ma per via di una inadempienza della proprietà era stato penalizzato in classifica e quindi retrocesso in serie C. Un campionato, che, però, il Trapani non ha mai disputato, considerata l’estromissione a seguito della mancata disputa delle gare contro Casertana e Catanzaro.

Sono passati quasi cinque mesi dall’ultima partita del Trapani: un periodo che sarà destinato a proseguire fino al termine della stagione sportiva. Da trapanese e da presidente del comitato “C’è chi il Trapani lo ama”, Carmelo Castelli, attraverso un’intervista a trapanigranata.it, ha espresso il proprio stato d’animo con la maglia granata lontana dal rettangolo verde di gioco.

«Chiaramente il fatto che non ci sia una squadra di riferimento in città – afferma Castelli – pesa e non poco. Da avvocato intristisce moltissimo convivere con una procedura fallimentare o comunque con una situazione legata al dissesto finanziario del club. Questo momento lo sto vivendo con grande tristezza».

Un’assenza che però si propaga da otto mesi, considerando la disputa delle gare a porte chiuse: «Il covid – sottolinea il presidente del comitato – ha fatto passare in secondo piano alcuni aspetti. Da marzo, infatti, i tifosi del Trapani non vanno allo stadio a vedere la partita: questo fatto attenua un po’ questa lontananza della maglia granata dai campi da gioco. Il calcio in televisione è completamente diverso per i tifosi».

12 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
12 Commenti
più nuovi
più vecchi più votati
Inline Feedbacks
View all comments
Mario
Mario
5 giorni fa

avvocato di cause perse…. vattinni!

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 giorni fa

Si tornera a trapani e ligny prima della fusione e si ricomincia fra 10 anni

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 giorni fa

Magari de picciotto mantiene la parola data al dattilo x fare calcio a trapani,visto che l istituzione trapanese lo hanno un bloccato nel suo progetto,di rinnovare un po’ la città e i lidi

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 giorni fa

E u Picciotto chi un voli u Trapani, appena ciarau si manciau u Cuscusu e scumpariu

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 giorni fa

E’ vero…ma…purtroppo

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 giorni fa

Vogliamo de piccitto

Commento da Facebook
Commento da Facebook
6 giorni fa

Ma come si capisce de picciotto non vuole noi

PEPPINO
PEPPINO
6 giorni fa

Avvocato fino ad ora solo chiacchiere. Attendiamo i fatti

Antonio
Antonio
6 giorni fa
Reply to  PEPPINO

ma quali fatti… non l’hai capito ancora? hai letto i nomi di questo comitato? conosci in questi nomi qualche industriale, qualcuno ricco? va fatti una risata… tutti insieme non hanno i soldi per comprarsi il paceco (valutato 250 mila euro) figurati se devono acquisire il Trapani e mantenerla ( viaggi, acquisto giocatori, stipendi, tasse… e mi fermo qui). Ora mandali pure tu a cag…

Salvo
Salvo
7 giorni fa

VATTINNI…. NUN L’HAI CAPUTO? avvocatu di cause…. perse

Giuseppe
Giuseppe
6 giorni fa
Reply to  Salvo

Sempre a denigrare il vicino,viziaccio trapanese,quanto siete ridicoli sempre a criticare.

Vincenzo
Vincenzo
6 giorni fa
Reply to  Giuseppe

ma tu ci sei o ci fai?

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News

L'angolo del Sì!Happy

Vedi tutte le offerte a TRAPANI su Sì!Happy

Altro da Esclusive