Resta in contatto

Esclusive

Corsa per il nuovo Trapani, Castelli: «Entro fine mese verrà costituita la società»

Intervista al presidente del comitato “C’è chi il Trapani lo ama” che espone lo stato delle attività verso gli imminenti obiettivi prefissati

Il 31 ottobre, dopo i mesi di attività trascorsi nella ricerca di cercare di salvare il Trapani, è stato costituito formalmente da alcuni tifosi trapanesi il comitato “C’è chi il Trapani lo ama”. 

Nuovo obiettivo e nuovo scopo del comitato è quello di far ripartire il calcio a Trapani, attraverso l’imprenditoria trapanese. Il presidente di “C’è chi il Trapani lo ama” è l’avvocato Carmelo Castelli, che, nel corso dell’intervista rilasciata a trapanigranata.it, annuncia imminenti novità.

LO STATO DELLE ATTIVITÀ

«Incontrarsi tutti insieme in questo periodo non è semplicissimo. È vero che ci sono i mezzi telematici, ma non è la stessa cosa di vedersi in presenza. Avevamo in programma di fare delle riunioni che purtroppo sono saltate. Detto questo, le nostre attività non si sono fermate e stiamo andando avanti con le nostre idee su come lavorare, a partire da un imminente futuro. Il comitato, nato per salvare il Trapani, vuole andare avanti».

IL PROGETTO

«Vogliamo far ripartire il calcio a Trapani con una nuova società che dovrà costituirsi separatamente al comitato. C’è chi il Trapani lo ama ha una funzione di aggregazione e di propulsione fra quelli che devono essere i soggetti che credono nel nostro progetto. La società, invece, dovrà lavorare per “l’ex lodo Petrucci” e quindi attraverso l’amministrazione, insieme ad altri eventuali partecipanti, chiedere il titolo per far ripartire il Trapani in serie D a partire dalla prossima stagione sportiva».

L’ANNUNCIO

«Stiamo compiendo dei passi da giganti in attività che richiedono tanto tempo e competenza. Manteniamo vivi i nostri contatti con il comune di Trapani e con gli imprenditori che vogliano investire nel nostro progetto. Spero che la creazione della società avvenga entro fine mese e quindi poi passare la palla al sindaco. Ci sono in ballo diverse idee che renderemo pubbliche al momento opportuno».

GLI IMPRENDITORI

«Guardiamo principalmente verso gli imprenditori trapanesi: riteniamo che la continuità possa derivare solo da questo aspetto. In passato abbiamo vissuto l’era Morace, poi chiusa proprio quando la famiglia decise di allontanarsi dalla città. La continuità con le attività nel territorio può essere la spinta anche nel mondo dello sport. Siamo certi che questi soggetti a Trapani ci siano e capisco che adesso dalle parole devono seguire i fatti».

18 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
18 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da Esclusive