Resta in contatto

News

Figc Trapani: «Il calcio non è morto e non morirà»

Messaggio di fine anno da parte del presidente delegato alla provincia di Trapani Pietro Bruno Lombardo. Le difficoltà del 2020 vogliono essere superate

Il 2020 va verso la fine e si chiude una difficile pagina della storia recente. Il presidente Pietro Bruno Lombardo, delegato per la Figc di Trapani ha voluto inviare un messaggio di speranza per superare il difficile periodo dettato dalla pandemia.

Pietro Bruno Lombardo scrive: «L’anno che volge al termine resterà sicuramente nella memoria di ognuno di noi. Un periodo davvero brutto pieno di insidie, speranze disilluse, dolore e paura per un futuro nel quale ancora non si intravede la luce che ci indichi la strada da percorrere. Il nostro amato sport, minato alle fondamenta, è rimasto attonito ed impotente di fronte ad una tragedia epocale della cui forza devastatrice solo i nostri anziani potevano avere memoria per vissuto diretto. Ma il calcio non è morto e non morirà».

Tante le persone coinvolte in provincia nel mondo del calcio che il presidente della Figc Trapani intende ringraziare: «Grazie a voi, volontari, dirigenti, calciatori del mondo dilettantistico, che coltivate nell’ombra la gioia di questa passione, siete vivi e tornerete a far sentire l’impeto della vostra genuina energia non appena si potrà vedere, finalmente, la luce in fondo al tunnel. Sono certo, nell’augurarvi un Natale all’insegna della sobrietà e del rispetto delle regole, che sarete proprio voi, con l’aiuto di tutto il movimento a dare il segnale di ripartenza per una nuova era di rinascita sociale e sportiva. Anche quei saluti ormai convenevoli e distratti diventeranno, dopo, un caposaldo dei nuovi rapporti per questa umanità travagliata che ha forse perduto i veri riferimenti morali ed etici e che lotta per ritrovarli».

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News