Resta in contatto

News

Trapani, soluzione momentanea al Sorrentino

Al centro sportivo posti i sigilli dal curatore fallimentare Alberto Piacentino: una conclusione giunta in accordo con il Comune di Trapani, proprietario dell’impianto

Al centro sportivo “Roberto Sorrentino” sono stati posti i sigilli da parte del curatore fallimentare del Trapani Calcio srl. Una scelta operata dal factotum anche in accordo con il Comune di Trapani, proprietario della struttura.

L’impianto era stato gestito dal Trapani nel corso degli ultimi anni, attraverso dei bandi vinti, ma che necessitavano dei provvedimenti, in considerazione anche del recente fallimento della società granata. Il “Roberto Sorrentino”, inoltre, è in stato di abbandono da mesi, pur essendoci stati dei controlli da parte dei vigili urbani della città trapanese, che hanno monitorato i fatti delle ultime settimane.

Con i sigilli si pone fine anche agli allenamenti delle società del territorio che avrebbero inoltre utilizzato impropriamente l’impianto. Allenamenti, anche sotto forma di sgambature, con formazioni contrapposte ed atleti che, per differenziarsi indossano le pettorine colorate. Sedute, peraltro vietate da alcuni mesi secondo i divieti imposti dal governo per combattere la diffusione del coronavirus.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
PEPPINO
PEPPINO
3 mesi fa

Definire un professionista come il curatore fallimentare factotum definisce in modo chiaro il liveloi di codesta redazione.

Antonello Ferroni
3 mesi fa
Reply to  PEPPINO

Nulla di offensivo, anzi. Nell’articolo si ascrive al curatore fallimentare del Trapani un’ampia possibilità di manovra nell’ambito dei suoi compiti, cosa frequente in giurisprudenza.

PEPPINO
PEPPINO
3 mesi fa

Questo si chiama arrampicarsi sugli specchi.

Antonello Ferroni
3 mesi fa
Reply to  PEPPINO

Padronissimo di pensarla come vuole.

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News