Resta in contatto

News

Trapani, Alivision apre alla cessione della società

La proprietà commenta il rigetto del ricorso evidenziando come Guido Alpa non abbia difeso i granata, ma gli sia stato chiesto solo un parere “pro-veritate”

Il futuro del Trapani si fa sempre più nebuoloso. In poco meno di 24 ore è arrivata la retrocessione in C, il nuovo deferimento ed adesso la Alivision, proprietaria al 100% delle quote della società granata, annuncia che “garantirà la continuità della gestione sportiva del Trapani senza tuttavia voler imporre la propria presenza”. Quindi, di fatto, arriva una apertura alla cessione del pacchetto azionario a poco più di un anno dall’acquisizione dalla Fm Service.

Allo stesso tempo Alivision ritiene che “il rigetto del ricorso del Trapani da parte del collegio di garanzia del Coni è un errore che rappresenta e rappresenterà per sempre un unicum nella storia dello sport italiano. Un errore che verrà riconosciuto come tale dalla comunità del Diritto come del resto dimostrato dal parere pro-veritate, terzo ed imparziale, formulato da uno dei più autorevoli giuristi italiani il prof. Guido Alpa”. Quindi, la difesa della società dinanzi al collegio di garanzia del Coni è avvenuta ad opera dell’avvocato Eduardo Chiacchio, mentre ad Alpa è stato chiesto esclusivamente un parere.

Successivamente Alivision annuncia la volontà di ricorrere alla giustizia ordinaria, in quanto “questo rigetto rappresenta l’ennesimo sconcertante atto di un campionato falsato da decisioni e scelte che tutto premiamo fuorché il merito sportivo e rispetto alle quali il Trapani assumerà ogni iniziativa necessaria per tutelare la passione dei propri tifosi e di un’intera città”. Quindi, l’immancabile riferimento alla gestione De Simone, peraltro arrestato nella giornata di giovedì per aver sottratto, secondo l’accusa, 200 mila euro quando era ad dei granata. “Per limitarci al caso Trapani mentre poco più di un anno fa nulla è stato fatto per prevenire l’annunciata e pressoché certa mala gestio del sig. De Simone, acclarata dai provvedimenti cautelari adottati nella giornata di ieri dalla Procura della Repubblica di Trapani, oggi viceversa si è stati estremamente solerti ed insistenti per vanificare, per un lieve e parziale ritardo, lo straordinario girone di ritorno del Trapani guidato da Fabrizio Castori”.

Infine, prima della chiusura, con la rassicurazione che “Alivision […] garantirà la continuità della gestione sportiva del Trapani senza tuttavia voler imporre la propria presenza” ed i ringraziamenti a tifosi, dipendenti, tesserati, collaboratori, sponsor ed al sindaco Giacomo Tranchida, arriva un’altra frase che non fa dormire sonni tranquilli. Perché nel comunicato di Alivision viene riportato come la proprietà “porrà in essere tutte le azioni necessarie per garantire l’iscrizione al prossimo campionato”. Il “porrà in essere […] per garantire” non rappresenta una certezza, evidenziando che per l’iscrizione alla serie C potrebbero esserci delle difficoltà.

9 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
9 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News