Resta in contatto

News

Coronavirus, l’idea della C: un fondo di solidarietà da A e B

Si studiano tutte le possibili soluzioni per provare a fronteggiare l’impatto che l’emergenza sanitaria da Covid-19 ha provocato sul calcio italiano. Allo studio anche un fondo per sostenere economicamente la terza serie calcistica italiana

La crisi è dura e tutte le soluzioni sono sul tappeto per fronteggiarla, anche quelle che un tempo sembravano solo impossibile da pensare. E la serie C è una delle più falcidiate, dal punto di visto economico, dall’emergenza sanitaria da Covid-19. Intanto, proprio oggi, si attende l’esito dell’assemblea della Lega A. Un idea che potrebbe farsi avanti – secondo quanto riportato da Tuttomercatoweb – sarebbe quella di istituire un fondo di solidarietà con una dotazione pari al 10 per cento di ogni eventuale stipendio non pagato in serie A e B in favore dei calciatori della C.

In buona sostanza, sotto la soglia di trentamila euro annui, non sarebbe prevista alcuna riduzione e in tal caso le società pagherebbero gli ingaggi per marzo, aprile e maggio e un mese dal potenziale fondo. Ovviamente, qualora le società dovessero accettare un accordo di questo tipo o similare, una condizione necessaria sarebbe quella di aver pagato regolarmente le mensilità gennaio e febbraio. Tutte le possibili soluzioni, però, devono far fronte con le opinioni delle controparti. Da un lato quindi le possibili decisioni della Lega A e della Lega B, ma appare fondamentale sentire anche il parere dell’Assocalciatori che, sulla riduzione dei compensi dei calciatori, pare assestarsi su delle riduzioni, ma non di importo elevato.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News