Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Trapani senza pace tra pignoramenti e indagini della Finanza

La Fm Service, ex proprietaria della società, ha fatto recapitare un pignoramento per oltre mezzo milione, mentre le Fiamme Gialle avviano l’attività investigativa sulla gestione dei campani

Il calcio è fermo, ma il Trapani è una fucina di notizie. Risolta, almeno in parte, la vicenda legata ai venti dipendenti che stanno percependo lo stipendio di gennaio, mentre per febbraio e marzo la società farà ricorso alla cassa integrazione, sul Trapani adesso pende un atto di «pignoramento verso terzi» per la somma di 359.396,73 euro, da parte di Fm Service, l’ex proprietaria.

A riportarlo è l’edizione odierna del Giornale di Sicilia, nella quale precisa come questa somma diventa di 539 mila, 95 euro e 9 centesimi sommando il costo della notifica del precetto, gli interessi legali maturati e maturandi fino al saldo, nonché le spese, le competenze, e gli onorari successivi di procedura occorrenti sino al saldo. La Fm Service, quindi, con questo atto bloccherebbe tutti i conti correnti bancari del club granata e in più ha “ingiunto” sia alle banche (tre filiali di Banca Intesa e due della MontePaschi), oltre che la Lega B «ad astenersi da qualunque atto diretto a sottrarre alla garanzia del credito per cui si procede i beni assoggettati all’espropriazione ed i frutti di essi».

LA FIDEJUSSIONE DELLA DISCORDIA – La vicenda è legata alla fidejussione di 350 mila euro. Lo scorso 28 dicembre il Tribunale di Trapani obbligava Alivision, l’attuale proprietario del club, a pagare 350 mila euro alla Fm Service, a seguito di un indebito utilizzo della fideiussione della scorsa stagione. Il Trapani aveva annunciato ricorso che sarà discusso al Tribunale di Trapani l’11 giugno. Restano da chiarire, precisa il Gds, però alcuni punti oscuri, come il fatto che l’allora presidente Francesco Baglio cedette a Fm Service il credito di 350 mila euro e come nel bilancio di giugno questa cifra, invece, risultasse come versamento da parte di Fm Service al Trapani.

LE CONSEGUENZE – Non appena l’atto di pignoramento verrà consegnato, il Trapani dovrà rivedere le sue strategie finanziarie e, pertanto, qualunque pagamento sarà rimandato successivamente alla data dell’11 giugno, il giorno nel quale si terrà l’udienza al Tribunale di Trapani in merito al ricorso della società sulla fidejussione.

GUARDIA DI FINANZA IN AZIONE – Le Fiamme Gialle starebbe svolgendo una indagine sulla gestione del Trapani ed avrebbe acquisito nuova documentazione relativa al perido di gestione della Fm Service. A settembre dello scorso anno, quindi pochi mesi dopo l’acquisizione dell’intero pacchetto azionario del Trapani, Alivision e la società granata avevano presentato una denuncia querela cui è seguita, nel mese di ottobre, un esposto in Procura da parte dell’attuale proprietà. Il Trapani auspicava approfondite indagini in quanto «parte lesa dalle gravi ed illegittime violazioni di legge poste in essere durante la gestione Fm Service». La stessa Alivision ha già citato la Fm Service chiedendo un rimborso di oltre tre milioni per alcune presunte irregolarità di cui è accusato l’ex amministratore delegato della società avellinese, Maurizio De Simone.

4 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

4 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Altro da News