Resta in contatto

Pagelle

Trapani: Kupisz macina chilometri, ora lo attende il «tagliando»

I voti più alti per il capitano Pagliarulo che zittisce i critici segnando un gol fondamentale e per l’allenatore che indovina tutte le mosse

Carnesecchi 5,5. Il portierone questa volta stecca. Poco impegnato, si fa trovare impreparato sul tiro da fuori di Tello nella ripresa. Recupera smanacciando lateralmente e concedendo a Di Serio un angolo di tiro complicatissimo, tanto che l’attaccante colpisce il palo.

Scognamillo 6,5. Parte commettendo qualche fallo di troppo e rischiando il giallo. Con il passare dei minuti migliora, non concedendo nulla nel primo tempo e soltanto dei mischioni nel finale, quando il Benevento si butta tutto avanti.

Pagliarulo 7. A 36 anni è meglio che smette; quest’anno ha commesso tanti errori che ci sono costati punti. Sono soltanto alcune delle «cattiverie» rivolte per tutto il campionato a Pagliarulo il quale, da professionista serio, decide di ritornare a segnare contro la capolista. Un gol di cattiveria e fondamentale. Commette un solo errore, una svirgolata nel secondo tempo.

Buongiorno 6,5. Come i compagni di reparto, è stato praticamente perfetto. E nell’unica occasione in cui si è dovuto dannare per recuperare, nel palo colpito da Di Serio, era riuscito anche a coprire lo spazio tra il palo e la porta. Prova di grande maturità.

Kupisz 6,5. Ormai i chilometri che fa sulla fascia non si contano più. Se fosse una vettura occorrerebbe già portarla in officina per il tagliando. Davvero instancabile e capace anche di sacrificarsi in fase difensiva quando il Benevento attaccava. Un terzino aggiunto, come piace a Castori

Scaglia 6. Mandato a sopresa in campo, ripaga Castori con una prova di sostanza. All’inizio commette qualche errore nei lanci e soffre gli affondi di Maggio, ma se il Trapani si rende pericoloso sui calci d’angolo è soprattutto grazie alla sua maestria nel disegnare traiettorie pericolosissime (dal 60′ Coulibaly 6,5. Gioca mezzora, ha il merito di chiudere la partita, ma ha anche il demerito di sprecare qualche pallone di troppo. Ma, la cosa più importante è il pallone che ha mandato in fondo alla rete)

Odjer 6. Un voto di «stima», perché sbaglia molti cross e poi paga, a centrocampo, la ridotta fisicità a cospetto dei pari ruolo del Benevento. I quali, spesso, lo spostano con facilità.

Luperini 6. Al rientro da titolare dopo la lombalgia, spesso fatica a farsi vedere. Ha, però, il grande merito di colpire l’angolo di Scaglia mandando la sfera sulla traversa ed avviando, di fatto, l’azione che sblocca il risultato.

Grillo 6,5. L’argentino si sta dimostrando sempre più decisivo. Non ha mollato mai neanche un centimetro, tirando fuori quella «garra» sudamericana che è fondamentale per il Trapani se davvero i granata vogliono raggiungere quantomeno i playout

Piszczek 6. Forse il meno bene. Ma di fronte aveva la miglior difesa del torneo. Ha un paio di occasioni e non le sfrutta. Prima calcia a lato e nella seconda si fa anticipare. Quando viene sostituito sembra contrariato ed è un bel segnale per Castori. Tutti vogliono giocare e dare il meglio (dal 60′ Dalmonte 6,5. Pettinari gli lascia un’autostrada e lui la sfrutta tutta servendo un assist meraviglioso per il 2-0 di Coulibaly. E poi tanta altra roba. L’unico demerito, quel colpo di testa appoggiato a Manfredini quando era tutto solo)

Pettinari 6,5. Non segna da 2 partite, ma in compenso ha sfornato un assist e, contro il Benevento, una prestazione alla… Pettinari. Tocca pochi palloni, ma in uno attira tutta la difesa e poi serve Kupisz e nel secondo, con una giocata da manuale del calcio, si allontana dall’area di rigore creando lo spazio per l’inserimento di Dalmonte. Gran parte del merito per il raddoppio di Coulibaly è di Pettinari (dall 79′ Evacuo. Gioca 11 minuti, pochi, ma mette in campo una grinta da fare invidia ad un ragazzino).

Castori 7. Stravince il confronto con Inzaghi, anche se SuperPippo schiera quasi un Benevento-2. Cambia il centrocampo, imposta la partita di rimessa e conquista il decimo risultato utile consecutivo. Il Trapani ha battuto la capolista avendo il possesso del pallone per appena 10 minuti contro i 30 del Benevento. Roba da guinnes dei primati. E’ il fuoriclasse del Trapani.

2 Commenti
Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Michele Buffa
Michele Buffa
9 mesi fa

La verità è che ci hanno rubato alcuni punti in classifica, che oggi sarebbero oro. In più ci sono state partite in cui avremmo meritato di vincere.

Commento da Facebook
Commento da Facebook
9 mesi fa

Se il mister Castori fosse arrivato 3 settimane prima a quest’ora saremmo in zona salvezza

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da Pagelle