Resta in contatto

News

Per la prossima B il Trapani fa il tifo per il Bari

La ripresa appare difficile e si pensa alle soluzioni alternative. Tra queste il blocco delle retrocessioni in serie C con la contestuale promozione tra i cadetti di 4 squadre, pugliesi compresi

Cosa ne sarà della serie B. E’ la domanda che si pongono tifosi ed addetti ai lavori, perché la ripresa del campionato appare sempre più difficile, alla luce anche delle ultime dichiarazioni del ministro Spadafora. Così le società pensano di nuovo al piano B, quello che prevede la conclusione della stagione senza più giocare.

A questo punto occorrerebbe capire cosa fare con le retrocessioni dalla A, le promozioni dalla B, le retrocessioni dalla B, le promozioni dalla C e via via fino ai dilettanti. Di ipotesi ne circolano tante e, per quanto attiene alla serie B, le ultime dichiarazioni del presidente del Frosinone Stirpe lasciano intravedere due possibilità per le promozioni: nessuna promossa, con gravissimo danno per il Benevento che il campionato lo aveva praticamente già vinto, o tre promozioni, con altrettante retrocessioni dalla A.

Per le retrocessioni dalla B, specie che interessa più da vicino il Trapani, il regolamento prevede 4 retrocessioni, 3 dirette più una dai play-out che, però, non si potrebbero disputare. Così a retrocedere potrebbero essere le ultime 3, ossia Trapani, Cosenza e Livorno, sostituite dalle prime di ciascuno dei tre gironi della C: Monza, Padova e Reggina. A questo punto, però, entra in gioco il fattore ADL. De Laurentiis, infatti, vorrebbe portare in B d’ufficio anche il Bari, società gestita sempre dalla sua Filmauro, peraltro la migliore delle tre seconde. Già più volte in passato Aurelio De Laurentiis ha manifestato la sua intenzione la quale, adesso, appare farsi sempre più largo. Un ripescaggio “a bocce ferme”, simile a quello effettuato nell’estate 2003 con la Fiorentina, allora Florentia Viola, appena promossa dalla C-2 in C-1 e ripescata subito in B per “meriti territoriali”.

L’eventuale approdo del Bari in B, però, con 3 retrocessioni, porterebbe il numero delle iscritte alla prossima stagione cadetta a 21, per cui, al fine di avere un numero pari di società al via, la soluzione sarebbe quella di retrocedere dalla B soltanto 2 squadre, con grave danno per Livorno e soprattutto Cosenza, distante appena un punto dal Trapani, o, meglio ancora, bloccare completamente le retrocessioni, portando il numero delle squadre al via a 24. Proprio come nel torneo di B 2003-04, quello con la Fiorentina appena ripescata.

Oltretutto, in questo modo, la Lega Pro potrebbe aprirsi alle prime dei nove gironi di serie D, fra cui anche il Palermo, risparmiando le tre retrocesse dalla B e dovendo trovare in organico “soltanto” cinque posti, fermo restando la necessità di capire quali società saranno realmente in grado di iscriversi alla prossima stagione.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest
1 Comment
Inline Feedbacks
View all comments
Michele Buffa
Michele Buffa
11 mesi fa

Il mio pensiero è sempre lo stesso. A tale riguardo mi piacerebbe sentire il pensiero degli altri tifosi e non. I campionati professionistici per questo anno dovrebbero essere congelati. Nessuna retrocessione dovrà essere adottata e nessun titolo di campione d’Italia dovrà essere assegnato in quanto lo scudetto era tutto da giocare. La serie A, B e C dovrebbero essere aumentate a 22 squadre. In serie B andranno le prime tre squadre classificate nei rispettivi gironi mentre la quarta squadra sarà scelta su quella piazzata meglio in classifica prendendo anche i parametri del blasone storico e sportivo oltre alla capienza del… Leggi il resto »

Advertisement
Advertisement

Altre notizie dalla città

Powered by Good Morning News
Advertisement

Altro da News